Home > Spettacoli > La malattia di Anna Marchesini

La malattia di Anna Marchesini

9 Marzo 2008

 

Credo che il post qui sotto riportato faccia intuire quale sia la malattia che ha colpito la Marchesini, che ieri sera abbiamo visto con il Trio, in prima serata su Rai 1.

 

La fonte è:

http://www.pianetabile.it/default.asp?id=259

 

Il titolo é:

Promuovere la sperimentazione sull’uomo delle cellule staminali da liquido amniotico

L.Tencati – 16 Febbraio 2007

 

Ennesima lettera appello al ministro Turco

 

Preg.mo On. Livia Turco,
Ci rivolgiamo a Lei in qualità di Cittadini affetti da Sclerosi Multipla.

Le scriviamo per chiederLe di fare quanto possibile per accelerare i tempi per la sperimentazione sull’uomo delle cellule staminali ottenute da liquido amniotico, come cura a tantissime patologie tra le quali quella che sta annientando la nostra vita.
Abbiamo accolto con entusiasmo la notizia della scoperta, d’altro canto ci rendiamo conto che i tempi per la soluzione continuano a restare biblici. Siamo pronti a sottoporci alle sperimentazioni: è meglio un rischio che una non-vita come quella che ci si prospetta nei prossimi anni.

La Sclerosi Multipla (o Sclerosi a Placche) è una grave malattia degenerativa del Sistema Nervoso Centrale le cui cause sono tuttora ignote, e la cui insorgenza si manifesta prevalentemente ad una età compresa tra i venti e i quaranta anni. Purtroppo è IN AUMENTO nella popolazione.
In mancanza di una cura risolutiva o di terapie capaci di arrestarne la progressione, molte di queste persone sono destinate a sviluppare gravi disabilità, perdendo la capacità produttiva proprio nel pieno della loro maturità professionale, venendo a costituire un notevole peso economico per la società, ed un fardello pesantissimo per le loro famiglie; infatti la progressione della malattia porta a una sempre maggiore disabilità ed i pazienti a volte diventano totalmente dipendenti.

La ricerca sull’impiego delle Cellule Staminali si prospetta da anni come la più promettente strategia per alleviare le sofferenze di milioni di malati nel mondo, per questa come per altre gravi malattie neurodegenerative quali il Morbo di Parkinson, l’Alzheimer, e la Sclerosi Laterale Amiotrofica.
La scoperta resa pubblica il 7 gennaio, secondo cui è possibile reperire dal liquido amniotico cellule staminali con capacità rigenerative pluri/totipotenti pari a quelle dell’embrione e, sembra, sicure come le staminali adulte, ha suscitato un intenso interesse negli addetti ai lavori e soprattutto grande speranza ai malati. Sicuramente la scoperta è un forte messaggio a chi gestisce la ricerca in questo campo: servono fondi per l’applicazione degli studi su queste cellule e servono fondi per le ‘banche’ che conserveranno questo prezioso liquido

Nell’attesa che la comunità scientifica internazionale giunga a definire qual’è la metodologia di intervento più efficace, ci pare opportuno che per quest’ultima necessariamente cadano veti ed impedimenti basati su principi etico-religiosi, tanto più che con le staminali amniotiche non ci sarebbe nemmeno la necessità di eseguire un’amniocentesi e nessun pericolo per il nascituro dalla raccolta di liquido amniotico, se avviene al momento del parto, quando ‘si rompono le acque’, come si dice popolarmente.
Abbiamo saputo che serviranno almeno cinque-sei anni di sperimentazioni sugli animali prima di passare a quella sull’uomo ma è un tempo troppo lungo per persone (spesso giovani e giovanissime) che soffrono e sperano di recuperare uno standard di vita normale o perlomeno accettabile, che vogliono vivere e non solo sopravvivere Per questo motivo preghiamo Lei, Signor Ministro che è Ministro della Salute, di contribuire ad accelerare i tempi della sperimentazione sull’uomo

E’ IMPORTANTE IN EFFETTI CHE LA SPERIMENTAZIONE INIZI SULL’UOMO ANCHE IN ITALIA E NON SOLO IN CINA E OLANDA: FINO A CHE LE TERAPIE E I TRAPIANTI AVVERRANNO SOLO SUI TOPI ED ALTRE CAVIE ANIMALI PENSIAMO CHE LA RICERCA NON ARRIVERà MOLTO LONTANO…

Dato che la salute è bene primario e diritto sacrosanto di ognuno di noi, crediamo che sia fondamentale incoraggiare la ricerca.
In quest’ottica, ci auguriamo che venga garantito a tutti i Cittadini di riacquistare e salvaguardare la loro salute, contenendo così esorbitanti spese di assistenza e cure allo Stato ed alle famiglie dei malati.

Certi di aver adeguatamente esposto il nostro pensiero, e confidando in un Suo possibile intervento a supporto della nostra condizione disagiata, La ringraziamo della cortese attenzione e Le porgiamo i migliori saluti ed auguri.

seguono le firme di parecchi malati del forum ‘entrisolosesorridi’

Annalisa Chiari
Giuseppe Margiotta
Andreina Branchi
Giovanna Branchi
Guido Umberto Chiari
Maddalena Morinii
Francesca Vignali
Viviana Andreazzi
Chiara Muzzi
Lucia Rapacchi
Matteo Morini
Barbara Bonamici
Teresa Savi
Maria Alessandra Conforti
Luca Vergalli
Milena Benzi
Sergio Benzi
Domenico Benzi
Anna Malvicini
Orio Vergalli
Teresa Vergalli
Nara Anghinolfi
Alberto Truffi
Corrado Truffi
Augusta Toselli
Norma Marchettini
Maria Ardizzone
Graziana Riscassi
Jacopo Picchedda
Alessandro Sampietro
Tomaso Bianco
Marta Pennetti
Giuseppe Cucci
Daniela Mazzarino
Antonio Maratat
Gina Paris
Savino Bruno
Pierluigi Bruno
Concettina Sidoti
Stefano Matteini
Emanuele Incarbone
Anna Montemurro
Rosita Pizzariello
Giuliano Scialla
Aterini Iolanda
Carolina Signorelli
Padre Alvise Marchesini
Don Giuseppe Arrigoni
Giovanna Signorelli
Sergio Merelli
Federico Negreri
Elena Merellii
Sara Merelli
Marco Olmji
Davide Morzenti
Franco Previtali
Lara Milesi
Luciana Marchesini
Giuseppe Previtali
Anna Marchesini
Damiano Morzenti
Monia Carminati
Mara Merelli
Giovanni Fossati
Antonio Maratta
Roberto Raimondi
Luca Tartaro
Roberto Carrisi
Maria De Martino

I commenti sono chiusi.